• Lucia Padovani

A BERLINO EST ... CON FEDE.

Sogno ... che mi trovo a Berlino est ...

Non l'ho mai vista ma so che sono lì, da sola.

Giro per le strade completamente vuote, non trovo nessuno ma sento delle voci ... è gente che parla e ride. Le sento ma non vedo anima viva e allora comincio a gridare, a chiamare. Penso che ci deve pur essere qualcuno se stanno chiacchierando.

Da un dove infinito arriva un altro filo di voce che mi dice:

"Quello che senti è dall'altra parte del muro." ...

Sprofondo immediatamente nella tristezza e nella paura.

Mi guardo intorno, è come un film in bianco e nero con degli sprazzi di colore che, a momenti, mi colgono di sorpresa.


Ci sono biblioteche aperte, supermercati pieni di roba, tram vuoti che viaggiano e gridolini gioiosi di bambini che sembrano echi di un'altra vita.


"Hai tutto quello che ti serve." mi dice questa voce dolce e pacifica ...

"No, io non ho più niente, non ho più nessuno. Perchè dici che ho tutto quello che mi serve? Io sono sola!"

"Perchè hai scelto di conoscere e quando si fa questa scelta serve restare da soli. Ognuno ha un suo modo di affrontare la vita. La consapevolezza è una di queste vie e tu stai camminando lì, in Berlino est."

"Ma non esiste più il muro a Berlino!" replico io.

"I muri non sono fatti solo di mattoni ..." risponde lei.


Guardo il muro grigio, crepato, mentre un grande vento mi entra nelle ossa.

Non tento di scavalcarlo. Non voglio farlo. Cerco solo di capire cosa posso fare qui, dove mi trovo, e parto alla ricerca di qualcuno o di qualcosa ...

Accanto a me cammina una figura bianca ...

"Chi sei?" le domando.

"Io sono la fede!"